Sviluppo Manageriale, Leadership e formazione aziendale e manageriale

I vantaggi di una certificazione delle competenze soft

I vantaggi di una certificazione delle competenze soft

Una certificazione seria delle competenze soft aiuterebbe aziende, professionisti e mercato.

Una pubblicità di una banca (Widiba) richiama la nostra attenzione sull’importanza della certificazione delle professionalità.
Un tema che suscita come sempre nel nostro Paese dibattiti animosi, che hanno solo l’effetto di generare confusione e far perdere di vista la vera sostanza.

Debite premesse

Facciamo alcune premesse, per mettere in pace il cuore di tutti.

Prima: la certificazione, come un titolo rilasciato dopo degli studi o un assessment, non è un dogma infallibile. Soprattutto, non è uno strumento che da solo può garantire il possesso delle conoscenze e competenze necessarie per assolvere un lavoro.

Seconda: è verissimo e incontrovertibile che la correttezza e la serietà del processo di certificazione spesso sono viziati da meccanismi di opportunismo economico e clientelare, e non solo. Nel nostro Paese come in molti altri.

Terza: sono le regole del mercato a disciplinare l’accesso alle prestazioni professionali.

Al netto delle professioni c.d. “albizzate”, argomento a parte e che qui non si vuole affrontare, il fulcro di questa riflessione è la presenza sul mercato di milioni di professionisti dei più svariati settori che non hanno riconoscimento alcuno. Dal responsabile della compliance al consulente del lavoro, dall’omeopata al responsabile acquisti, dal formatore al responsabile dell’organizzazione di una azienda.

Autoreferenzialità, costi, mercato

Che cosa vuol dire? Tre cose.

  1. Autoreferenzialità: scrivo di essere esperto di compliance perché magari (o magari no) me ne occupo da dieci anni.
    Scrivo che sono un esperto nel comunicare o nel negoziare perché sono direttore commerciale… e come potrei non esserlo?! Non importa se non so spiegare che risultati ho raggiunto e soprattutto come li ho conseguiti.
    In assenza di parametri oggettivi di valutazione vale tutto e il contrario di tutto.
  2. Costi: l’azienda assume il presunto portatore di competenza o il privato si avvale di tal consulente. Ma come si può veramente accertare l’effettiva capacità nello svolgere il compito assegnato? Solo facendolo lavorare. E scoprendo con costi spesso altissimi che tale competenza non esiste.
  3. Mercato del lavoro: l’eccesso di manodopera non qualificata deprezza il mercato, che tenderà al ribasso e alla svendita delle “presunte” competenze.

La cura definitiva non esiste

Ora, sia chiaro che non ci sono cure definitive, ma solo strumenti che aiutano a prevenire la malattia. Meglio di niente.

Prendiamo il caso del vino: berrò quello che mi piace di più. Punto fine e basta. Tuttavia, se so che quel vino ha passato anche dei controlli non solo del produttore, ma anche di un soggetto terzo che ha garantito l’origine della materia prima utilizzata e la salubrità del processo produttivo, lo preferirò.

Le competenze tecniche sono facili da certificare: devi provare il tuo livello di inglese, fai l’esame e il risultato è oggettivo.
Le competenze comportamentali, altrettanto importanti, necessitano di un riconoscimento e di uscire da quel carattere di autoreferenzialità che le caratterizza più di altre.

Insomma, quando si tratta della conoscenza della lingua inglese o del possesso di conoscenze informatiche, vogliamo un certificato. Fidarsi è bene… non fidarsi è meglio. E magari senza neanche poi accertarsi della bontà dell’ente che l’ha rilasciato. Invece, quando si tratta di conoscenze comportamentali va bene qualunque cosa ci dicano. Salvo poi scoprire tardivamente che mancano o non sono all’altezza del ruolo.

Il valore di una prima certificazione

Una certificazione seria delle competenze soft aiuterebbe a:

  • ridurre i costi per le aziende;
  • rendere le aziende più competitive grazie a personale più qualificato;
  • rendere il mercato del lavoro più affidabile.

La difficoltà in cosa risiede? Nel codificare un set di capacità necessarie per definire la competenza. Che cosa rende un negoziatore capace? Che cosa rende tale un comunicatore efficace? E così via.

Cuore in pace: si possono codificare. Non saranno regole esaustive, ma sono sufficienti per individuare dei parametri di valutazione.
Il secondo passo, scritte le regole, è ricorrere a un serio meccanismo di certificazione da parte di terzi.

Tutto questo ci metterebbe al passo con l’Europa e farebbe di noi un Paese un po’ più propenso alla meritocrazia.

www.bridgepartners.it

Venerdì, 19 Maggio 2017. Postato in Risorse umane, Soft Skill, Gestione aziendale

Ultimi articoli

  • Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Avere un pessimo capo influisce in maniera negativa sulle prestazioni e sui risultati dei dipendenti sul posto di lavoro. Si tratta di un problema che interessa moltissime aziende e organizzazioni. Infatti secondo alcune ricerche tre lavoratori su quattro detestano il loro capo

  • 5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    Essere il manager di un'azienda vuol dire avere responsabilità nei confronti di un gruppo di lavoro e decidere quale strada intraprendere per raggiungere determinati obiettivi. Le decisioni devono essere prese in

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto