Sviluppo Manageriale, Leadership e formazione aziendale e manageriale

Il tempo libero in Google come risorsa economica

Il tempo libero in Google come risorsa economica

Articolo scritto da Paolo Facco

Il tempo libero per chi lavora in Google è “sacro”.
Nell’azienda di Mountain View questo principio è sancito addirittura nel contratto di lavoro.

È prevista, infatti, la famosa quota del 20%, ossia il tempo di lavoro che ogni dipendente del colosso tecnologico americano può dedicare ad attività creative personali fuori dalle normali mansioni quotidiane.

La quota del 20% è uno dei tasselli dell’innovativo modello di organizzazione del lavoro in Google, in cui l’obiettivo è creare un contesto e un clima lavorativo libero, informale e flessibile, soppiantando i modelli rigidi, gerarchici e ingessati provenienti dai settori tradizionali.

In altre parole, sono convinti alla Google, che la creatività e il talento si esprimono al meglio in luoghi “anarchici”.

La creatività è la materia prima fondamentale per questo tipo di aziende.

Ed è proprio in questi frangenti di libertà creativa che sono venuti alla luce importanti progetti che hanno fatto la fortuna di Google, come Gmail per la posta elettronica, Google News per le notizie e Adsense per la pubblicità.

Si calcola che questi tre servizi portano nei portafogli dell’azienda oltre 50 miliardi di dollari l’anno. La quota del 20% conviene, eccome.

Il totem del 20 per cento – La quota del 20% riservata al tempo libero creativo, per le aziende innovative del comparto ICT, è diventata come l’articolo 18 per i metalmeccanici: una sorta di linea del Piave da non oltrepassare.

È in gioco, probabilmente, una disputa sui modelli di organizzazione del lavoro: da un lato quello che tanto piace ai lavoratori della conoscenza, che rivendicano modelli flessibili e senza troppi lacci; dall’altro le periodiche suggestioni delle aziende, invece, che riflettono sul ritorno a modelli più rigidi e gerarchici.

I lavoratori della conoscenza e i talenti della tecnologia, ovviamente, non possono essere paragonati ad altre tipologie di lavori e professioni che necessitano di schemi organizzativi differenti. La specificità del lavoro creativo richiede contesti produttivi adeguati alle mansioni di coloro che elaborano idee e conoscenza.

Di conseguenza, i modelli di lavoro per chi mette soprattutto “le braccia” non possono coincidere con quelli di chi mette soprattutto “il cervello”.

Non solo Google – La quota del 20% non è una prerogativa esclusiva di Google, anzi. L’idea nasce in America nel 1984, ad opera della 3M, e subito dopo diventa uno dei segni distintivi del modello di organizzazione del lavoro di numerose aziende tecnologiche, di successo, della Silicon Valley.

Come ricordato da Serena Danna sul Corriere della Sera del 29 agosto scorso, tra le Internet companies che hanno adottato la logica del 20% ci sono:

  • il Prototype Forum di Facebook,
  • l’Incubatore di Linkedin,
  • il Blue Sky di Apple e il Get out of work free days di Atlassian.

Insomma, nella quota del 20% è in gioco parte dell’identità stessa dei Networkers e della filosofia del lavoro che pervade l’economia digitale.

Giovedì, 06 Ottobre 2016. Postato in Accade nel mondo

Ultimi articoli

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

  • Coworking cos'è e come funziona

    Coworking cos'è e come funziona

    Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di coworking. Chi mastica un po' di inglese può facilmente intuire cosa possa significare questo termine

  • L'assertività si verifica attraverso uno stato comportamentale attivo e mai in opposizione nei confronti di un altro. Di origine latina (serere) la parola assertività significa

    L’assertività

    L'assertività si verifica attraverso uno stato comportamentale attivo e mai in opposizione nei confronti di un altro. Di origine latina (serere) la parola assertività significa "asserire", 

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto