Pronti a ripartire nella piena corresponsabilità per la gestione dei figli

Pronti a ripartire nella piena corresponsabilità per la gestione dei figli

Ecco le 4+1 opportunità secondo Moms@Work di Intoo (Gi Group) per papà in prima linea verso i figli e le compagne dopo la maternità; è importante far tesoro di un nuovo mindset e di nuove modalità di lavoro sperimentati in queste settimane a vantaggio di entrambi i genitori per il momento del ritorno alla normalità.

 

Milano, 16 marzo 2020 – Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia nel 2019 sono nati 67 bambini rispetto a 100 persone decedute, contro i 96 di dieci anni fa e se, da un lato si conferma il numero di figli per donne (1,29), dall’altra si evidenzia l’innalzamento dell'età media al parto che si attesta intorno ai 32,1 anni*.

Questo scenario potrebbe mutare se, oltre alle imprese, prima di tutto molti lavoratori che sono anche papà riuscissero a cogliere tutti i lati positivi di quanto stanno sperimentando in questa situazione generale straordinaria per supportare davvero le compagne nella co-gestione dei figli ed esserne parte attiva.

«In Italia le donne che rientrano al lavoro dopo la maternità cercano spesso rifugio nel part time o si accontentano magari di un ruolo minore perché così si sentono più tranquille rispetto alla complessità che si trovano a gestire, ma così facendo perdono terreno, fiducia e anche speranza di poter accudire in futuro altri figli – afferma Alessandra Giordano, Direttore Delivery di Intoo –. Per l’evoluzione culturale sono fondamentali tutte le iniziative di legge a favore della rivisitazione ed estensione dei congedi a entrambi i genitori, ma per una vera e concreta adozione è fondamentale la sperimentazione che ciascuno sta compiendo in questo momento eccezionale. Occorre davvero cogliere questa occasione di maggior tempo in famiglia come se fosse un laboratorio per provare su di sé nuove soluzioni, comprenderne a fondo il significato e il valore, farle proprie in una modalità condivisa con la propria compagna per trovare insieme un vero e nuovo work-family balance e metterlo in pratica alla ripresa. Questa è la corresponsabilità necessaria nella gestione dei figli che aiuta a contrastare prima di tutto il fenomeno dell’abbandono del lavoro da parte delle mamme nel corso del primo anno di vita del bambino e poi a rendere le donne più confidenti anche sulla possibilità di mantenere e sviluppare la propria professionalità”.

Intoo, la società di Gi Group leader nei processi di sviluppo e transizione di carriera che con il servizio Moms@Work aiuta le imprese nella gestione integrata della maternità delle dipendenti, da alcuni anni si occupa anche dei lavoratori papà con workshop, corsi e servizi di coaching sulla genitorialità e sulla base di questa esperienza segnala, pertanto, le opportunità di cui far tesoro oggi per cambiare approccio e vivere una genitorialità davvero condivisa alla piena ripresa lavorativa:

1.Smart working: presenza in ufficio non vuol dire efficienza

In questo periodo molti hanno verificato in prima persona i limiti del presenzialismo e la necessità, invece, di un mindset più aperto perché non si lavora in maniera efficace solo se si è “presenti” dalle 9 alle 18. Anche un uomo si sentirà, pertanto, più confidente nel richiedere alla propria azienda una maggiore flessibilità nei luoghi e negli orari di lavoro, laddove non venisse poi prevista più regolarmente.

2. Delegare: più tempo per i figli e risorse più responsabili

Costretti a delegare? Può essere accaduto per via delle distanze da gestire e da rispettare, tuttavia il mantenimento dell’operatività avrà permesso di comprendere che il controllo non coincide con la presenza e la delega, responsabilizzando, è un’occasione di crescita per i membri del team.
Specialmente per gli uomini questo è un tema molto forte, ma cruciale se si ha un ruolo di responsabilità ed è uno strumento molto utile quando arriva un figlio o si partecipa alla co-gestione dei figli.

3. Rispettare le vere priorità

Non tutto è urgente, in cima alla to do list sono comparse anche necessità non lavorative; stabilirle e rispettarne un grado di importanza aiuta noi e chi collabora con noi a lavorare meglio. L’arrivo di un figlio cambia inevitabilmente le priorità, anche dei papà: imparare a stilare una lista di attività con vera precedenza aiuta a trovare un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

4. L’unione fa la forza: più collaborazione con i colleghi

Le relazioni a distanza, inizialmente magari più difficoltose, nel tempo potrebbero essersi rafforzate. Condividere e proiettare il ruolo di genitori oltre a quello di lavoratori, permette di confrontarsi con altre persone che stanno affrontando lo stesso cambiamento e le stesse difficoltà, rendendo più solidi i legami, creando nuove alleanze grazie a soft skill come l’empatia e l’intelligenza emotiva, a vantaggio di un miglior clima lavorativo in generale. Non sarà più un tabù anche da parte di un uomo richiedere un po’ di collaborazione ai colleghi: come, ad esempio, non fissare riunioni prima di un certo orario al mattino. Questo può aiutare i neopapà a sentirsi più compresi.

5. Last but not Least: non farsi spaventare, ma diventare parte attiva

Le donne devono essere le prime a non rinunciare al proprio lavoro ed emotivamente neanche alla possibilità di fare carriera, chiedendo, pertanto, ai propri compagni di collaborare fattivamente nella cogestione dei figli. Saperli dalla loro parte con convinzione e sulla base di azioni/attività sperimentate concretamente insieme, non può che fare la differenza nella vita famigliare e a tendere anche nell’impresa in cui i compagni lavorano, a vantaggio di altri colleghi e, soprattutto, di altre colleghe di cui dovessero essere responsabili.


* ISTAT, Rapporto annuale sugli indicatori demografici


Intoo

società di Gi Group Leader nei Servizi di sviluppo e transizione di carriera, supporta le persone nell’acquisire consapevolezza della proporia spendibilità, all’interno o all’esterno del contesto aziendale in un’ottica di piena realizzazione degli obiettivi di crescita professionale. Intoo supporta le persone con servizi specifici nei momenti complessi della propria carriera, nel cambiare o ritrovare lavoro. Intoo si occupa di focalizzare le skills chiave del proprio ruolo, con percorsi di assessment e coaching. Intoo sostiene sempre la progettazione di futuro delle persone, mettendole al centro nei progetti di gestione delle crisi e nei processi di reindustrializzazione. Intoo orienta i ragazzi alla ricerca del primo lavoro, le mamme al rientro dalla marternità, gli over 55 nella progettazione di una vita lavorativa più flessibile. Intoo è presente in Italia e UK e fa parte di Career Star Group che opera in 79 paesi del mondo con più di 800 uffici.

https://it.intoo.com/


Gi Group

è la prima multinazionale italiana del lavoro, nonché una delle principali realtà a livello mondiale nei servizi dedicati allo sviluppo del mercato del lavoro. Il Gruppo è attivo nei seguenti campi: lavoro temporaneo, permanent staffing, ricerca e selezione, executive search, formazione, supporto alla ricollocazione, amministrazione hr, outsourcing, consulenza HR. Grazie al percorso di internazionalizzazione iniziato nel 2007, oggi Gi Group opera direttamente o con partnership strategiche in oltre 50 Paesi in Europa, Asia, Africa e America. Alla fine del 2010, Gi Group ha ottenuto un importante riconoscimento con l’ingresso in WEC - World Employment Confederation, la confederazione internazionale delle agenzie per il lavoro (allora CIETT), in qualità di Global Corporate Member.

Lunedì, 16 Marzo 2020. Postato in Risorse umane, Soft Skill

Ultimi articoli

  • Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Avere un pessimo capo influisce in maniera negativa sulle prestazioni e sui risultati dei dipendenti sul posto di lavoro. Si tratta di un problema che interessa moltissime aziende e organizzazioni. Infatti secondo alcune ricerche tre lavoratori su quattro detestano il loro capo

  • 5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    Essere il manager di un'azienda vuol dire avere responsabilità nei confronti di un gruppo di lavoro e decidere quale strada intraprendere per raggiungere determinati obiettivi. Le decisioni devono essere prese in

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto