Le fasi per organizzare un evento business

Le fasi per organizzare un evento business

L'organizzazione di un evento business rappresenta una delle principali priorità delle aziende per ampliare la propria visibilità coinvolgendo sempre più ampie fasce di pubblico.

Il fine ultimo di tali iniziative è quello di aumentare il giro d'affari inerenti alla tipologia di merce oppure di servizi proposti.

Il termine "evento" implica numerose accezioni in quanto è in grado di spaziare in diversi contesti, anche se vi sono due fattori comuni:

  • coinvolgimento;
  • condivisione.

La mission conclusiva di ogni manifestazione di questo tipo è quella di diffondere in maniera ottimale il proprio progetto, rispondendo al meglio alle esigenze del target di riferimento.

Quali sono i presupposti per organizzare un evento

L'evento viene spesso definito come un avvenimento di particolare rilievo, caratterizzato dal coinvolgimento di più persone ed organizzato di solito da un committente (azienda, associazione, impresa, ente oppure singolo) che si ripropone di raggiungere un determinato obiettivo.

La sua pianificazione dipende dalle capacità organizzative dello staff preposto a tale iniziativa, che deve possedere competenze sia in ambito organizzativo che di marketing, per raggiungere l'obiettivo prefissato.

A tale scopo uno dei presupposti fondamentali è rappresentato dalla possibilità di disporre di una task force composta da numerosi individui, ciascuno con uno specifico ruolo, poiché la pluralità di idee è sempre un'ottima base da cui partire.

Il contributo di esperti nei vari settori deve essere originale, accattivante, coinvolgente e soprattutto coerente con le finalità dell'evento, sempre nell'ottica di rispettare al massimo le esigenze della potenziale clientela.

Le strategie di comunicazione devono coinvolgere non soltanto i tradizionali canali (come stampa, cartellonistica, volantinaggio), ma anche i social presenti sul web, oppure le mailing list, soprattutto quando l'evento riguarda realtà aziendali.

Quali sono le fasi per organizzare un evento

Per fare in modo che un progetto si trasformi in evento, il processo di organizzazione prevede di solito quattro fasi distinte.

1. Ideazione

Questa prima fase ha lo scopo di definire chiaramente:

  • obiettivi e finalità dell'iniziativa;
  • il target che deve venire coinvolto;
  • il tempo necessario;
  • il periodo più adatto per la realizzazione;
  • la scelta della location;
  • il tema da trattare.

Nel panorama fittissimo di eventi relativi al mondo della comunicazione, il fattore discriminante è rappresentato dalla unicità che deve caratterizzare l'evento, rendendolo inconfondibile ed indimenticabile rispetto ad altri simili.

2. Sviluppo dell'idea

La seconda fase si concretizza nello sviluppo dell'idea, basato sull'individuazione e valutazione di tutti i servizi necessari, sia dal punto di vista quantitativo (spese di gestione) che qualitativo (impatto sul territorio e vicinanza al target).

Questa fase prevede anche una preventiva valutazione della realizzabilità dell'evento sia dal punto di vista pratico che da quello economico, mediante consulenze di professionisti del settore tecnico e commerciale.

Le stime emerse non hanno mai un carattere definitivo, ma sono comunque suscettibili di variazioni in corso d'opera, soprattutto per quanto concerne l'aspetto finanziario.

Un presupposto di notevole impatto emotivo è quello dei momenti di networking, durante cui viene abolita la separazione tra chi partecipa sopra o sotto al palco, per realizzare la più efficace condivisione delle idee.

Risulta infatti di estrema utilità annullare la tradizionale antitesi tra oratore ed uditore che, nella maggior parte dei casi, contribuisce ad una netta separazione dei ruoli che non facilita mai la comunicazione interpersonale.

3. Pianificazione dell'evento

I protagonisti di questa terza fase sono;

  • piano di marketing;
  • realizzazione tecnica;
  • manuale operativo;
  • scaletta delle attività.

Si tratta della fase che consente di entrare nel vivo dell'organizzazione e che presuppone la scelta di un project manager responsabile dei singoli procedimenti, a cui il team operativo può fare riferimento in qualsiasi momento.

In questo momento, la comunicazione interna assume un ruolo fondamentale per garantire il raggiungimento degli obiettivi voluti.

Vengono quindi trattati il posizionamento dell'evento, la distribuzione dei biglietti, il coinvolgimento degli organi d'informazione, le strategie di marketing.

4. Consuntivo dell'evento

Al termine dell'evento si configura la necessità di compilare un consuntivo in grado di offrire una valutazione globale della manifestazione, in relazione a tutti i dati quantitativi e qualitativi in possesso.

Tale fase implica anche un'attenta verifica del raggiungimento degli obiettivi prefissati, l'analisi dei livelli di customer satisfaction e soprattutto la brand percepition raggiunta.

Questa valutazione finale risulta indispensabile sia per tirare le somme che per pianificare altre iniziative future.

Come organizzare al meglio un evento

Per impostare al meglio un evento business è necessario tenere conto di due realtà fondamentali: il pubblico e gli organizzatori.

- Il pubblico

Il pubblico è costituito da individui che fruiscono (gratuitamente oppure a pagamento) dei servizi offerti dall'evento; per assicurare la sua massima partecipazione emotiva risulta fondamentale organizzare al meglio non soltanto le fasi lavorative, ma anche quelle ricreative.

Pertanto è necessario impostare adeguati programmi di pause networking, con la possibilità di accedere a zone di ristoro (coffee break), a zone relax per momenti di riposo, ad aree per conferenze ed occasioni di business.

Per il pubblico, ogni evento deve essere quindi un giusto mix tra marketing e divertimento, con un importante contributo della tecnologia (comunicazione per immagini, tour esperienziali, fotografia immersiva ed integrazione dei social).

- Gli organizzatori

Il team organizzativo, che rappresenta l'altro importante presupposto per il successo di un evento, è costituito dai coordinatori e dalla segreteria; i loro differenti ruoli sono finalizzati alla realizzazione ottimale dell'evento.

Gli ambiti di competenza di tali professionisti comprendono principalmente: relazioni con le istituzioni e sponsor, aspetti legali, controllo sulla sicurezza, logistica, aspetti tecnici e attività accessorie.

Lunedì, 08 Luglio 2019. Postato in Soft Skill, Comunicazione

Articoli più letti

  • Il nuovo Dress Code nel Business

    Il nuovo Dress Code nel Business

    Lo stesso concetto di essere professionali e contemporaneamente comodi vale anche per le donne, per le quali è magari più facile lasciare spazio alla propria personalità aggiungendo quel tocco in più con gli accessori per completare il proprio look casual business.

  • La concorrenza sleale: come si manifesta e come difendersi.

    La concorrenza sleale: come si manifesta e come difendersi.

    La concorrenza è il fondamento del mercato e della vita delle aziende che operano al suo interno e assicura che il confronto tra le imprese avvenga in base ai prodotti o ai servizi offerti ai consumatori e ai prezzi che vengono praticati. Un mercato concorrenziale stimola inoltre le

  • L’Associazione Temporanea di Impresa

    L’Associazione Temporanea di Impresa

    Si parla di Associazione Temporanea di Imprese o A.T.I. quando più imprese si uniscono per partecipare insieme alla realizzazione di uno specifico progetto, per il quale individualmente le stesse non possiedono tutte le competenze operative o le caratteristiche necessarie per la sua realizzazione.

     

  • Procurement, una funzione sottovalutata

    Procurement, una funzione sottovalutata

    Quando si pensa alle funzioni strategiche all’interno di un’organizzazione, vengono alla mente quelle aree o dipartimenti che hanno a che fare con i clienti: marketing, vendite, business development e, grazie alla rivoluzione digital, l’IT. Più lontani, a livello di visione strategica, restano, agli occhi dei più, le Risorse Umane e il Procurement, quest’ultimo considerato più una 

  • Soft skills: un modello di valutazione delle competenze manageriali e relazionali

    Soft skills: un modello di valutazione delle competenze manageriali e relazionali

    Le Aziende, sia del comparto industriale che dei servizi, hanno sempre ricercato modelli efficaci per valutare le competenze manageriali ...

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto