Verbali di conciliazione sindacale: il rischio di impugnativa delle conciliazioni “fai da te”

Verbali di conciliazione sindacale: il rischio di impugnativa delle conciliazioni “fai da te”

Scritto da Avv. Patrizia D’Ercole

L’art. 2113 del nostro codice civile garantisce una particolare efficacia alle conciliazioni tra datore di lavoro e lavoratore sottoscritte nelle c.d. “sedi protette” (sedi sindacali previste dai contratti collettivi di lavoro di riferimento), disponendo che le stesse non possono essere impugnate.

La norma parte dal presupposto che, in tali sedi, il datore di lavoro e, soprattutto, il dipendente usufruiscono di un’assistenza effettiva da parte del conciliatore, in quanto quest’ultimo viene nominato da una delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sottoscrittrici del contratto collettivo. In altri termini, in questi casi, le parti resi completamente e perfettamente edotti della portata e delle conseguenze degli obblighi che assumono e delle rinunce che prestano con la conciliazione, sicché agirebbero in maniera libera e consapevole.

Nella pratica, la necessità di velocizzare la formalizzazione degli accordi raggiunti allo scopo di evitare possibili ripensamenti, non infrequenti lato dipendente, unita al fatto che spesso le naturali sedi sindacali fissano gli appuntamenti per le conciliazioni a distanza di diversi giorni, ha fatto sì che spesso tale formalizzazione avvenga di fronte ad un rappresentante sindacale unico, magari appartenente ad una sigla non firmataria del contratto collettivo applicato o che non ha ricevuto un reale mandato di rappresentanza da parte del lavoratore.

Con rifermento a questi fenomeni, la giurisprudenza è da tempo orientata nel senso di ritenere che la non impugnabilità del verbale di conciliazione è condizionata al fatto che l’assistenza prestata dai rappresentanti sindacali sia stata effettiva, così da porre il lavoratore in condizione di sapere a quale diritto rinunci e in quale misura, nonché, nel caso di transazione, a condizione che dall’atto stesso si evinca la questione controversa oggetto della lite e quali siano le “reciproche concessioni” in cui si risolve il contratto transattivo. Laddove tale condizione non si verifichi, quindi, le rinunce prestate dal dipendente sarebbero impugnabile entro il termine di 6 mesi dalla data dell’accordo.

Con una recentissima sentenza dello scorso 8 maggio 2019 (n. 4354/2019), il Tribunale di Roma ha scoperchiato il vaso di Pandora, affermando il principio secondo cui le rinunce firmate dal lavoratore al di fuori delle sedi e delle procedure previste dal contratto collettivo sono impugnabili nel termine di 6 mesi dalla sottoscrizione, non valendo per esse il principio dell’inoppugnabilità. Inoltre, il Giudice romano ha precisato che la conciliazione in sede sindacale è inoppugnabile solo nella misura in cui il sindacalista abbia prestato assistenza reale ed effettiva, essendo stato messo lui per primo a conoscenza della vicenda, avendo illustrato in maniera completa ed esaustiva al lavoratore le conseguenze della rinunce dallo stesso prestate, ed avendogli altresì esposto i costi e i benefici della conciliazione.

Come si può comprendere, una tale impostazione, ove confermata da successive decisioni conformi, potrebbe avere pesanti conseguenze.

Non solo, infatti, escluderebbe la possibilità – se non a prezzo di rischiare comunque di veder impugnato l’accordo, anche ove fosse stato eseguito dalla società – di ricorrere a sindacalisti di comodo, imponendo la scelta delle sole sedi istituzionali, ma anche presso queste ultime la semplice lettura del verbale non sarebbe più sufficiente ai fini del requisito della effettiva assistenza sindacale.

Inoltre ed ancor più dirompente, tutte le conciliazioni per le quali non sia ancora decorso il termine di 6 mesi per l’impugnazione diventerebbero pericolosamente instabili.

Lunedì, 10 Giugno 2019. Postato in Gestione Aziendale, Hard Skill, Risorse umane

Ultimi articoli

  • Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Avere un pessimo capo influisce in maniera negativa sulle prestazioni e sui risultati dei dipendenti sul posto di lavoro. Si tratta di un problema che interessa moltissime aziende e organizzazioni. Infatti secondo alcune ricerche tre lavoratori su quattro detestano il loro capo

  • 5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    Essere il manager di un'azienda vuol dire avere responsabilità nei confronti di un gruppo di lavoro e decidere quale strada intraprendere per raggiungere determinati obiettivi. Le decisioni devono essere prese in

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto