Arriva dal Giappone una filosofia per aiutarci a gestire la qualità

Arriva dal Giappone una filosofia per aiutarci a gestire la qualità

Alcune indagini, condotte tra i manager della logistica, concernenti le politiche che sono giudicate prioritarie da applicare per aumentare la competitività hanno evidenziato al primo posto dell'indice di gradimento il miglioramento continuo, basato sulla ricerca dell'ottenimento delle massime prestazioni dei processi e delle tecnologie esistenti. Solamente in secondo istanza, seppure assolutamente da non trascurare, viene auspicato il ricorso all'impiego di nuove tecnologie.

Come accade quasi sempre non è possibile fare una scelta di fondo sposando miglioramento continuo o innovazione; si deve valutare situazione per situazione dove dare la priorità. In ogni caso ci sentiamo di dire che le politiche di miglioramento continuo devono essere sempre poste in essere sebbene la loro messa in pratica sia più facile da enunciare che da applicare.

simco kaizen1

Il miglioramento continuo ha nella filosofia giapponese (ormai ben nota seppure espressa sotto diverse formule: kaizen, sei sigma, lean logistics, etc.) la sua massima espressione e si contrappone al concetto di innovazione, generalmente più radicato nella cultura aziendale occidentale, che cerca di rimuovere le situazioni critiche o negative trasformando radicalmente i processi, quasi sempre facendo perno su significativi investimenti in tecnologia, piuttosto che lavorare sistematicamente per un loro miglioramento seppure modesto ma continuo nel tempo.

E' proprio questo concetto di continuità che deve caratterizzare l'approccio al miglioramento; ne consegue la necessita di creare un clima e una struttura organizzativa aziendale adeguata, che sia in grado di gestire questa pratica nel tempo senza cadere in infervoramenti temporanei per iniziative che poi vengono abbandonate (molti di voi avranno memoria dei famosi "Circoli della Qualità" che avevano fatto tanta moda nelle grandi aziende e che ora sono solamente un vago ricordo) e che lasciano conseguentemente una traccia di insuccesso e di spreco di energie.

Il miglioramento continuo deve coinvolgere tutta l'azienda: i dirigenti (che ci devono credere e favorirlo), i quadri e, soprattutto, il personale operativo che sulla base delle proprie esperienze lavorative quotidiane si adopera per attivare interventi che aiutino ad aumentare efficienza e qualità. Il miglioramento continuo deve essere supportato da un approccio bottom up e da valutazioni che vengono effettuate sulla base della realtà concretamente vissuta nel quotidiano relegando in second'ordine proposte sviluppate "a tavolino".

Per attuare il miglioramento continuo non sono necessari investimenti con la conseguenza, non indifferente, che l'aumento della competitività può essere realizzato anche da quelle aziende che non dispongono di importanti risorse finanziarie e in periodi di congiuntura economica difficile in cui si preferisce avere una politica finanziaria prudente avendo poco chiaro lo scenario futuro.

Il mondo della logistica, e del magazzino in particolare, si presta molto bene allo sviluppo di queste politiche e richiede, tra le iniziative prioritarie da attivare, la realizzazione di un sistema di monitoraggio delle prestazioni (efficienza, lead time, accuratezza, etc.) mediante una serie qualificata di indicatori che devono essere facili da calcolare, affidabili, tempestivi, essenziali. Solo misurando siamo in grado di capire se le azioni che abbiamo intrapreso vanno nella giusta direzione e con quale intensità.

simco kaizen2E' facile sposare con entusiasmo i concetti ed i metodi espressi dal miglioramento continuo è però necessario creare le condizioni culturali in azienda favorevoli al loro recepimento; a questo riguardo può essere utile una ben progettata azione di formazione, a tutti i livelli. In ogni caso è fondamentale che il top management non abbia la presunzione di essere l'unico depositario della conoscenza per fare efficienza e qualità e che abbia uno stile di conduzione aziendale partecipativo.

http://www.simcoconsulting.it

Martedì, 08 Dicembre 2015. Postato in Supply Chain, Hard Skill, Magazzino, Supply Chain e Procurement

Ultimi articoli

  • Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Avere un pessimo capo influisce in maniera negativa sulle prestazioni e sui risultati dei dipendenti sul posto di lavoro. Si tratta di un problema che interessa moltissime aziende e organizzazioni. Infatti secondo alcune ricerche tre lavoratori su quattro detestano il loro capo

  • 5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    Essere il manager di un'azienda vuol dire avere responsabilità nei confronti di un gruppo di lavoro e decidere quale strada intraprendere per raggiungere determinati obiettivi. Le decisioni devono essere prese in

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto