Sviluppo Manageriale, Leadership e formazione aziendale e manageriale

Contratti collettivi: benefici normativi e contributivi

Contratti collettivi: benefici normativi e contributivi

Articolo scritto da Avv. Patrizia D'Ercole

Sul concetto di equivalenza dei contratti collettivi ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi

Con la circolare n. 9 dello scorso 10 settembre, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito interessanti chiarimenti sul concetto di equivalenza tra i contratti collettivi ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi di cui all’art. 1, comma 1175 della Legge n. 296/2006 (Legge Finanziaria per il 2007).

Tale disposizione stabilisce che i benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale sono subordinati, oltre che al possesso da parte dei datori di lavoro del documento unico di regolarità contributiva ed all’osservanza degli altri obblighi di legge, altresì al “rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonchè di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale”.

Già la circolare dell’INL n. 7/2019 aveva chiarito, lo scorso mese di maggio, che l’accertamento circa il rispetto di tali accordi avrebbe dovuto essere effettuato sul merito del trattamento economico e normativo effettivamente garantito ai lavoratori e non basarsi su un accertamento legato ad una mera formale applicazione del contratto sottoscritto dalle “organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale”.

Residuava, quindi, un margine di dubbio sulla possibilità che i datori di lavoro che non applicassero tali contratti ma garantissero comunque trattamenti economici di miglior favore ai propri dipendenti potesse usufruire dei benefici in questione.

Tale quesito non è irrilevante nel settore logistico, in cui, come noto, sono spesso applicati contratti collettivi stipulati da sindacati “minori” ed in cui, sovente, è stata adottata una interpretazione estensiva del concetto di equivalenza, in modo da poter accedere ai benefici previsti dalla legge.

Sul punto, la circolare n. 9/2019 ha definitivamente chiarito che, con esclusivo riferimento al legittimo godimento dei benefici normativi e contributivi, non è sufficiente tenere in considerazione la parte economica, in quanto il “rispetto” dei contratti collettivi in questione coinvolge anche la parte normativa, ossia quelle clausole che disciplinano i rapporti individuali relativamente a tematiche come le ferie, l’orario di lavoro, i trattamenti di malattia, il periodo di prova, ecc.

Dunque, gli operatori dovranno tenere conto del fatto che, in sede di verifica ispettiva o giudiziale, la verifica circa la legittimazione ad usufruire dei benefici di legge avrà natura sostanziale e non solo formale, estendendosi alla verifica del trattamento complessivamente applicato al lavoratore, non essendo sufficiente il semplice riconoscimento al personale di retribuzioni più alte rispetto a quelle previste dal contratto collettivo minore eventualmente applicato.

AVV. PATRIZIA D’ERCOLE
Studio Legale Dramis Ammirati e Associati
Via Conservatorio, 15
20122, Milano

Tel: +39 02.781043
Fax: +39 02.781127
pdercole@dramisammirati.com

http://www.dramisammirati.com/

Lunedì, 23 Settembre 2019. Postato in Gestione Aziendale, Hard Skill

Ultimi articoli

  • Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Le 7 caratteristiche di un pessimo capo

    Avere un pessimo capo influisce in maniera negativa sulle prestazioni e sui risultati dei dipendenti sul posto di lavoro. Si tratta di un problema che interessa moltissime aziende e organizzazioni. Infatti secondo alcune ricerche tre lavoratori su quattro detestano il loro capo

  • 5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    5 errori da evitare per non confondere il tuo team

    Essere il manager di un'azienda vuol dire avere responsabilità nei confronti di un gruppo di lavoro e decidere quale strada intraprendere per raggiungere determinati obiettivi. Le decisioni devono essere prese in

  • La felicità in azienda è una componente importante?

    La felicità in azienda è una componente importante?

    Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

  • Mappature delle competenze

    Mappature delle competenze

    Si dice spesso che le aziende debbano godere di una pianificazione in cui tracciare i propri prodotti e la fase di produzione ad essa legata in modo da risultare concorrenziali

  • Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Smart working: cosa fare per mantenere i collaboratori motivati e produttivi

    Il lockdown che abbiamo vissuto ha modificato in maniera radicale, da un giorno all’altro, le modalità di lavoro delle imprese italiane; quanto a lungo ancora

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto