I dilemmi dei nuovi manager della logistica

I dilemmi dei nuovi manager della logistica

"La logistica, - secondo l'AILOG, Associazione Italiana di Logistica - è l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni dalle origini presso i fornitori fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti e al servizio post-vendita". Negli anni 50 e 60 con il termine logistica si intendeva semplicemente la distribuzione del prodotto finito.

La "nuova" logistica nasce negli anni 70 con l'avvento dell'informatica e della globalizzazione. Diviene sempre più importante ridurre al minimo lo scarto tra produzione e vendita, idea alla base della cosiddetta filosofia del "just in time". Si tratta di una filosofia industriale che ha completamente modificato il vecchio metodo di operare, ossia produrre prodotti per il magazzino in attesa di essere venduti, lasciando posto ad una logica che prevede, invece, di produrre solo ciò che è già venduto o che può essere venduto in tempi brevi. Si passa, così, da una logica push ad una logica pull con lo scopo di ridurre al massimo le scorte in magazzino che, secondo tale filosofia, sono considerate un vero e proprio spreco.

I nuovi manager della logistica

Con un nuovo modo di intendere la logistica, si rende necessaria una revisione della figura professionale che svolge tale lavoro. I nuovi manager della logistica hanno il compito di rendere le aziende sempre più agili e snelle. Per agilità si intende la capacità di mutare al mutamento del mercato. In pratica, un buon manager deve tenere il passo, per non rimanere indietro, in un mercato in continua evoluzione. Per snellezza si intende, invece, eliminare gli sprechi. Tradotto, ciò significa, come insegna la filosofia del just in time, ridurre al minimo le scorte in magazzino. Il nuovo manager della logistica deve assicurare una perfetta integrazione di tutti i soggetti coinvolti, ossia dai fornitori alla distruzione, dalle aziende fino al cliente finale. Deve avere una profonda conoscenza del mercato in cui opera l'azienda e dei potenziali mercati in cui potrebbe operare con successo e deve essere sempre in linea con l'evoluzione del settore in cui lavora.

I dilemmi dei nuovi manager della logistica

Il manager è la figura professionale che, all'interno di un'azienda, affronta e risolve i dilemmi. Il difficile sta nel fatto che non si tratta di dilemmi semplici, ossia valori equipollenti che possono essere sommati o detratti tra loro, come costi e ricavi, pagamenti e prezzi. I dilemmi che si trova ad affrontare e risolvere il nuovo manager della logistica sono complessi. Si tratta, infatti, di valori che non sono equiparabili economicamente, come la reputazione dell'azienda. Ogni manager si trova a prendere delle decisioni da cui scaturiranno effetti positivi o negativi sull'intera impresa. Tutto ciò allontana dal prevedibile e conduce verso l'imprevedile. Un buon manager deve avere il coraggio di aprirsi all'imprevedibile per poter cogliere le opportunità che presentano nuovi scenari.

I nuovi manager della logistica nella situazione caotica

Ogni manager conosce perfettamente la mappa logistica di Feigenbaum secondo cui ogni fenomeno che presenta l'integrazione tra diverse variabili può essere:

  • deterministico, si muove ciò nella prevedibilità. Rappresenta la parte iniziale della mappa logistica e cioè il periodo fino alla seconda guerra mondiale;
  • complesso, si tratta cioè di un'imprevedibilità determinata;
  • caotico, ossia imprevedibilità indeterminata data da un'evoluzione sempre più rapida, in campo tecnologico.

Appare evidente che i nuovi manager della logistica si trovano ad operare in una situazione caotica, caratterizzata da un continuo e rapido mutamento dei settori e dei mercati in cui lavorano, che non è possibile prevedere.

Un buon manager, pertanto, deve prevedere ed immaginare non un solo scenario, ma vari scenari futuri possibili. È necessario imparare a muoversi con destrezza tra comportamenti probabilistici e affidarsi alle proprie emozioni e, dunque, all'irrazionalità. Avere vari scenari futuri possibili determina un mare di opportunità che sarà in grado di cogliere solo un manager con talento e coraggio.

È fondamentale, però, per queste nuove figure professionali riuscire a trovare il giusto equilibrio tra il valutare attentamente i vari scenari che si presentano ed i conseguenti dilemmi che essi portano, e il prendere decisioni assume dosi le proprie responsabilità e portando a termine gli impegni presi.

Essere un buon manager della logistica

Il segreto per essere un buon manager della logistica sta nel saper anticipare il futuro, interpretando i segnali sia in ambiti interni che esterni all'azienda e soprattutto individuare quali sono i bisogni dei consumatori per garantire la massima soddisfazione degli stessi. Un buon manager deve essere in grado di analizzare il mercato della concorrenza per capire se cambiare qualcosa nella propria gestione.

Deve avere conoscenze approfondite di economia e management per comprendere le esigenze dei consumatori e i cambiamenti incessanti e repentini del mercato. Ma deve anche essere in grado di utilizzare software specifici, quindi competenze tecniche. Deve saper lavorare in team ma, allo stesso tempo, avere doti di leadership. Un buon manager di logistica deve, infatti, saper motivare il team, avere capacità di problem solving e prendere decisioni.

Molti ritengono che sia iniziata la quarta rivoluzione industriale caratterizzata da un'integrazione totale di tecnologie digitali nei processi di produzione dei beni. In parole povere, le intelligenze artificiali si sostituiranno all'uomo. Le figure professionali meno a rischio sono proprio i manager, ossia coloro che si muovono nel l'incertezza è che sviluppano idee innovative. I manager dovranno essere in grado di preparare tutte le risorse aziendali al cambiamento, che sarà repentino. Saranno proprio i manager a dover sviluppare sistemi in grado di garantire una collaborazione efficace ed efficiente con le macchine.

www.logisticaefficiente.it

Venerdì, 19 Maggio 2017. Postato in Supply chain management

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto