La convergenza tattica fra canali classici e digital

La convergenza tattica fra canali classici e digital

Digital Marketing, social e internet: come trarre il meglio da ogni strumento

Le rivoluzioni tecnologiche degli ultimi venti anni hanno portato una serie di modifiche nel modo di comunicare e di vendere. Molte aziende si sono rivolte alla rete per stravolgere e ammodernare le proprie strategie di comunicazione, inizialmente tramite email marketing e poi sempre di più facendo uso dei social network in tutte le loro potenzialità.
Oggi, le tecniche di marketing fanno un uso bilanciato di canali classici e digitali per poter raggiungere ogni tipo di clientela, sia quella che vive prettamente online sia quella meno digital, che segue ancora i canali classici, siano essi della televisione o ancora di più della cartellonistica pubblicitaria, dépliant e volantini. Infatti, la scelta del tipo di marketing è strettamente connesso alla clientela che si vuole raggiungere e alla distribuzione sul territorio (locale, nazionale, internazionale).
La convergenza tra i canali classici e digital rappresenta pertanto il miglior modo per poter trarre il meglio da entrambi gli strumenti di comunicazione. Naturalmente, la strategia di comunicazione deve essere programmata in maniera dettagliata e precisa, per poter garantire il pieno successo degli strumenti utilizzati, ossia il raggiungimento della clientela.

Differenze e convergenze tra il marketing tradizionale e quello digitale

Per comprendere al meglio come sfruttare i punti principali del marketing tradizionale e di quello digitale maggiormente convenienti alle proprie esigenze è necessario avere ben chiare le differenze tra i due modi di comunicare. Non si può fare l'errore, infatti, di programmare una strategia unica da utilizzare sia per le comunicazioni classiche che per quelle via rete. La principale differenza tra il marketing tradizionale e quello digitale si può riassumere con quelli che sono conosciuti come paradigmi di Marketing Mixing: 4P per il marketing tradizionale e 4C per quello digitale.
Le basi su cui si fonda il marketing classico infatti è quello delle 4 P (Product, Price, Place, Promotion). Utilizzando il metodo tradizionale bisogna quindi puntare sul prodotto, sul prezzo, sulla distribuzione del prodotto e sulla promozione dello stesso, tramite canali che possono facilmente raggiungere il cliente.
I nuovi canali si basano invece su un nuovo paradigma, ossia quello delle 4 C: (Content, Conversation, Community, Connection). Questo significa che il digitale punta soprattutto al contenuto, alla presentazione dei prodotti tramite conversazione con il cliente grazie ai canali social e alle community e, naturalmente, alle connessioni, sempre attive da tutti quanti hanno uno smartphone o in iPhone.
Naturalmente, nonostante le differenze di modalità di realizzazione delle campagne pubblicitarie, la convergenza principale si verifica sullo scopo che entrambi i canali di marketing hanno, ossia quello della vendita del prodotto.

Dall'azienda al cliente

La principale differenza delle strategie di marketing tradizionale e digitale è soprattutto dato dalla relazione azienda-cliente. Nel primo caso, infatti, il cliente ha un ruolo secondario: è l'azienda che crea un prodotto e glielo propone. Il cliente non può interagire, non può chiedere informazioni, ma è passivo a quanto il mercato gli offre.
Nel marketing digitale, invece, il consumatore è protagonista: può interagire con l'azienda, con gli altri consumatori, può dire la propria opinione. In tal modo, i prodotti possono essere creati a misura del cliente. Nel momento in cui le aziende riescono a fondere queste due possibilità potranno avere la certezza di realizzare una strategia di marketing completa e vincente.
Ma come fare? La risposta è proprio nella convergenza dei canali. Si potranno infatti utilizzare i canali social per un marketing indirizzato, agile e moderno e scegliere i canali classici per raggiungere tutti quegli utenti che ancora non sono digitalizzati o che preferiscono poter guardare un dépliant o un volantino.

L'Agile Marketing e il Marketing Digitale

Anche se utilizzato soprattutto negli ultimi anni, l'Agile Marketing è stato introdotto già alla fine del secolo scorso dalla IBM che cercava un modo rapido di progettazione che non dovesse attendere la conclusione di una fase per procedere con quella successiva. Oggi l'Agile Marketing può essere definito come un processo in cui ogni passaggio viene condiviso tra i diversi gruppi di lavoro che e che non prevede step fissi necessari per procedere da una fase all'altra. Lo scopo di questo tipo di marketing è quello di poter essere velocemente aggiornato e cambiato seguendo le esigenze dei clienti e del mercato. Si può facilmente comprendere come questo strumento, nato in un contesto di marketing tradizionale, abbia trovato la propria massima espressione proprio con il marketing digitale e con i comportamenti sempre più rapidi e veloci dei consumatori. In un mercato che evolve rapidamente, infatti, anche il marketing aziendale deve essere in grado di aggiornarsi o cambiare direzione in tempi rapidissimi.

Conclusioni

I moderni mezzi di comunicazione permettono di realizzare un gran numero di strategie di marketing, sia di tipo tradizionale che digital. Mixare nella giusta dose le componenti tradizionali e digital delle diverse campagne di marketing è fondamentale per poter avere successo nelle vendite e riconoscimento del brand. Gli addetti al marketing dovranno saper puntare su strategie in grado di sfruttare al meglio i diversi canali pubblicitari, valutando con attenzione anche il tipo di clientela alla quale ci si riferisce e la distribuzione del prodotto.

Venerdì, 20 Aprile 2018. Postato in Accade nel mondo, News

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da:
MLC Consulting SRL
Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano
Tel: +39 02 33220352
Fax: +39 02 73960156
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ... leggi tutto